salute del Criceto

Salute del Criceto : 7 segnali per riconoscere se sta bene o no

Siete preoccupati per la salute del Criceto? Ecco 7 consigli che vi permetteranno di sapere se è in buone condizioni.

Salute del Cricetosalute del Criceto

Un criceto vive in media due anni ma, se in salute, la sua aspettativa di vita aumenta notevolmente.

Quando un criceto può considerarsi in salute?

È possibile riconoscerlo giornalmente osservando semplicemente il suo aspetto fisico.

Occhi

Un criceto sano avrà occhi limpidi, ben aperti e senza macchie.

Naso

Se in salute dovrà essere pulito, senza scolo di muco e privo di umità.

Se attorno agli occhi e al naso notate delle secrezioni fate attenzione perché potrebbe trattarsi di un semplice raffreddore ma anche di più seri problemi respiratori.

Orecchio

Se sano avrà orecchie aperte, senza scolo.

Denti

Solitamente un criceto ha i denti inferiori di una lunghezza maggiore di quelli superiori; un criceto sarno rispetterà questa caratteristica.

Pelo

Il pelo del criceto si presenta normalmente come soffice e dritto. Se la pelliccia non è omogenea dovete fare attenzione perché potrebbe trattarsi di “Coda Bagnata” (conosciuta anche come ilente proliferativa), un’infezione batterica che provoca diarrea.

Questa è più frequente in caso di criceti non a lungo svezzati e in caso di un gruppo consistente di esemplari.

Ghiandole

Si tratta di ghiandole odorifere che possono essere collocate sui fianchi o al centro del ventre (nei pressi dell’ombelico). Nel primo caso sono unte o bagnate e sono pigmentate con peli più lunghi degli altri, mentre nel secondo caso è più sporgente, è priva di peli e ha una secrezione gialla al suo esterno.

In ogni caso, per essere sano, il criceto dovrà avere queste ghiandole pulite.

Bozze cutanee

Il criceto non dovrebbe avere alcun tipo di bozza lungo il proprio corpo. Nel caso opposto, infatti, si potrebbe trattare di tumori o di ascessi, grumi di pus che si verificano soprattutto in presenza di tagli o graffi non curati.

Se notate uno di questi fattori nel vostro piccolo animaletto dovrete ricorrere ad un veterinario che confermerà o smentirà i vostri dubbi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*